Lei si trova in: Attualità > News

News

06.09.2017

Da fine luglio è aumentato il numero di portinnesti infetti nell’Alta Val Venosta


Non si placa, nell’Alta Val Venosta, la situazione del colpo di fuoco. Da fine luglio, infatti, consulenti e frutticoltori hanno rilevato un incremento del numero di portinnesti infetti, mentre sono quasi scomparsi gli attacchi sui getti e le infezioni fiorali.

Spesso l’attacco al portinnesto si osserva nelle situazioni in cui il risanamento delle piante non è stato portato a termine a dovere o dove non sono state individuate infezioni fiorali o ai getti.

Al momento risultano interessati sia giovani impianti che frutteti in produzione. Da molti punti di infezione fuoriesce l’essudato batterico, ma sono presenti anche cancri di Erwinia amylovora. Frequentemente il fogliame delle piante colpite assume una colorazione rossastra.

Le piante con portinnesto infetto devono essere estirpate.

 

Nel complesso sono stati segnalati, finora, 140 casi di colpo di fuoco, 137 su melo e 3 su pero. Questa cifra però è destinata a salire, dato che probabilmente non tutti gli attacchi sono stati registrati. Si teme anche che in alcuni impianti l’attacco non sia stato riconosciuto.